23/11/09

la delicatezza di un film

ho appena premuto il tasto stop del mio lettore su Agata e la tempesta. Questo è un film che chi mi ha prestato ed ha veramente voluto che guardassi, pensava che raccontasse tanto di me. Questa persona, quest'uomo, me l'ha proprio voluto consegnare e m'ha detto che gli ricordava me e gli ultimi due anni che ho trascorso. Gli ricordava la persona che ero e che sono e le cose che sono cambiate in me in questi due anni che sono stati i due anni più difficili ed intensi di tutta la mia vita. ecco io l'ho appena finito. ho appena premuto il tasto stop del mio lettore su Agata e la tempesta e penso che veramente mi somigli tanto, questo film.

il regista è quel bravo di Silvio Soldini, quello di Pane e Tulipani per intendersi ed invece di andare a dormire io, adesso, avrei solo voglia di riguardarmelo, di premere start e di ricominciare da capo ma invece aspetto domani così ci penso ancora un po' su e  mi addormento col sorriso.

Nell'ultima scena la protagonista sta leggendo Stupore e Tremori ed anche questa è una delicatezza che si aggiunge a quelle che ho visto fin qui.

Io ora  vado a dormire. Buona notte.

3 commenti:

claire ha detto...

e poi lei vive a genova, ti ricordi che ti avevo fatto vedere la casa? :D

Anonimo ha detto...

baci
elena g.

Lindalov ha detto...

Non l'ho mai visto (ma conosco bene pane e tulipani) ma Lo guarderò con una consapevolezza diversa.