23/04/14

che meraviglia...

tornare dalle vacanze e mettersi già a programmare le prossime. siano quelle estive che i brevi weekend fuori porta. trovarsi a Padova e parlare di nord, centro e super-ovest! gnam!

22/04/14

la trasformazione è in atto

per un breve istante mio marito ha pensato di proporre la Francia come meta del prossimo weekend lungo.

17/04/14

è mbello andare in giro con la Silvia

molto mbello perché lei mi porta a vedere le mostre e mi porta a mangiare nei ristoranti ma soprattutto mi presenta gli atelier firmatoni dove mi compro il primo abito firmatone della mia vita. abito firmatone scelto tra miglioni di migliardi dal cromatismo sentimentale di mio marito. abito firmatone che indosserò al mio primo matrimonio pugliese. insomma un sacco di prime volte. prima volta in assoluto che mi diverto in un negozio di abiti. che la responsabile d'atelier mi fa provare di tutto e di più semplicemente per farmi capire come abbinare cose diverse. prima volta che me ne sto, in negozio, con un sorriso da parte a parte e me ne esco entusiasta.
grazie Silvietti, grazie marito, grazie responsabile, grazie atelier e grazie Rick Owens. meno male che esistete tutti, siete mbellissimi.  

16/04/14

Javier Bardem

ho sistemato un po' i capelli che crescevano selvatici che l'estate scorsa li avevo tagliati a spazzola e poi non li avevo più toccati. in pratica ho semplicemente levato codine e ciuffi anarchici e ora provo a farli crescere e contemporaneamente ristabilisco il mio decoro al lavoro (è un rap).
mio marito dice che assomiglio a quello di Non è un paese per vecchi.

15/04/14

riflessioni

ci sono delle cose che mi danno molto ma molto fastidio. a volte penso di non essere fatta per questa roba qui. in questo modo qui. a contatto con queste cose qui. molto fastidio. tantissimo.

14/04/14

ma quanto sono generosa? un altro paio di dritte anzi tre

Rovigo non c'ero mai stata. non è che sia l'apoteosi del bellismo ma non è neanche così tremenda come pensavo. secondo me quando tu ci vai per qualche motivo fai bene a prenderti quel qualche minuto in più per farci una passeggiata. alla fine queste cittadine venete son caruccette. brave cittadine venete! in ogni caso noi, a Rovigo, ci siamo andati sabato grazie alla mitica Silvia (che ovviamente non sono io) che organizza le cose alla grande (ça va sans dire). l'occasione era "Ossessione Nordica la mostra promossa dalla brava Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo che sta abituando la città e la regione a eventi di sempre più alto livello. la mostra è decisamente interessante e pure molto ma molto bella. pure lo spazio museale. andateci. siate contenti. la terza dritta è il dopo mostra o il dopo giro: la Tavernetta Dante è proprio in centro città, cucina tipica veneta e la cucina veneta è buona. bella scelta di vini anche se noi siamo andati di prosecco tutta sera. ricapitolando: brava Tavernetta Dante,  brava Ossessione Nordica, brava Silvia.

12/04/14

dove vado in vacanza quest'anno quiz

ho voglia di tornare in Giappone. ho una voglia matta e disperatissima di tornare in Giappone. mio marito non vuole. dice che se facessimo sempre come pare a me avrei visto un solo posto nel mondo (Parigi). non gli posso dare torto. allora mi piaceva anche un tour dell'America del nord. Boston, NewYork, Chicago, Philadelphia,  Washington. tutto in macchina. on the road. un altro viaggio bello negli Stati Uniti è il giro della California. io l'ho fatto a pezzi, non l'ho mai girata tutta. mi piacerebbe molto tornarci. poi vorrei tanto l'India, l'India è un po' il mio sogno e poi c'è la Cina, c'è Hong Kong.
nonzo.... mi piacerebbe un posto dove posso muovermi liberamente, dove non ho bisogno della guida locale per spostarmi quindi gli Stati Uniti o il Giappone in questo senso credo siano meglio di un tour dell'India o della Cina ma non sono esperta. Ale è affascinato dal sud America. io per niente ma mai dire mai. non so... veramente non so. ho voglia di fare un viaggio bello e lungo. ho voglia di gente diversa, di cultura diversa, di cibo diverso di vedere mondi nuovi. ho voglia di tuffarmi in una galassia parallela.

11/04/14

una dritta

l'altro giorno ero a Reggio Emilia per lavoro. l'incontro è finito all'ora di pranzo avrei dovuto immediatamente ritornare in azienda che avevo altri appuntamenti nel pomeriggio ma io sono una donna che rispetta le regole. e io ho una regola. se uno ha una regola la deve rispettare altrimenti che se l'è data a fare? io infatti la rispetto e questa regola è: se mi trovo in Emilia o Romagna o Emilia Romagna all'ora del -di mangiare- io non posso andare via senza aver mangiato. fine della regola.
così ho beccato questo posto che si chiama Osteria Chilometro Zero. si trova a Gavassa, è aperto tutti i giorni tranne uno. (il lunedì). si mangia in una maniera che ero commossa mentre mangiavo. per esempio ho preso i tortellini in brodo e i tortellini saranno stati 30. il brodo era di carne. e io quando mangio i tortellini in brodo e mi sembrano quelli che faceva mia nonna o che fa mia mamma un po' sempre mi viene da commuovermi. perciò se siete di Reggio Emilia se siete emiliani o romagnoli, se siete in viaggio da quelle bande, io ve la consiglio: osteria Chilometro Zero.

10/04/14

un elenco

non è che la musica sia il mio mezzo, l'unica radio che ascolto è radio24 e la musica in generale m'ha sempre incuriosita poco. il mio mezzo è il viaggio, sono i posti, la gente, il cibo, il mio mezzo è il vino, il mio mezzo sono i libri o la fotografia. il mio mezzo è altro e invece però a mio marito la musica piace tanto e la ascolta tanto e ne sa tanto e così da quando sto con lui di musica ho cominciato ad ascoltarne. sempre non è il mio mezzo ma ho scoperto che comunque mi piace. e andare ad un concerto è come andare a teatro. è un evento dove t'arriva un botto di emozione ed energia (a parte che per me il concerto è seduti comodi lontano dalla gente. per lui è davanti al palco in mezzo a settordici milioni di persone, a parte questa roba qui per il resto è bello).  
comunque con mio marito abbiamo visto i Fleet Foxes a Bologna, e poi i Radiohead a Roma e poi siccome m'erano piaciuti siamo andati anche a Parigi a sentire gli Atoms for Peace, e poi ancora David Byrne a Padova e poi io sono andata a vedere i Toto con Letizia (abbiamo pogatoaoaoah!) e poi andiamo a sentire Battiato a Marostica e insomma questa cosa è molto bella.
il concerto più bello in assoluto per me è stato quello di David Byrne ho pianto come un vitello. un altro che ho pianto tanto è stato Francesco De Gregori, con Rimmel mi potevano tirare su col cucchiaino. pianto pianto pianto ho pianto anche con Bruno Lauzi che mi cantava Ritornerai davanti alla faccia. Bellissimi i Rem, i Rolling Stones a Milano meravigliosi. a Marrakech ero ospite della principessa del Marocco e Bocelli c'ha fatto un concerto privato. Vasco Rossi sono uscita a metà dopo che s'era messo a fare il dito alla platea. all'epoca me la prendevo per queste cose e poi, il dito, glielo fai a tua sorella. il secondo concerto della mia vita sono stati i Simply Red. il primo gli Spandau Ballet. avevo 15 anni. e questi, mi pare, sono tutti i concerti della mia vita.  

09/04/14

pietre

le Pietre Rotolanti le ho dovute lasciare perdere. ero in riunione quando è iniziata la vendita e un concerto delle Pietre Rotolanti, il primo concerto in Italia dopo anni (quanto erano? aaaaanni), va via come il pane. così quando ticketone mi ha avvisato che Franco veniva in zona io perdermi anche Franco mi spiaceva e ho deciso che non me lo perdevo. e così l'11 luglio eravamo Franco Battiato, un orchestra di 35 elementi, la piazza degli scacchi e tu e io.