05/12/09

poi uno si domanda da chi ho preso

per un concorso molto importante a cui sto partecipando si è rivelato necessario andare a recuperare le mie foto di bambina. che sono in degli albi chiusi con la chiave tenuti in un cassetto sotto chiave in un armadio sotto chiave in una camera sotto chiave da mio padre nella casa paterna (cioè casa sua). mio padre si chiama Barbablù.

cercare di ciulare le foto a mio padre è una lotta dura ed aspra e forte, ci vogliono proprio tutte le spiegazioni e le rassicurazioni che si sfogliano piano gli album e che le foto non si toccano e non si prendono e non si guardano con occhi troppo intensi e, soprattutto, che non escono dalla casa paterna (casa sua, casa di Barbablù).

e questo è un casino perché a me le foto servivano fuori dalla casa di Barbablù che io le dovevo scannare per poi partecipare al concorso molto importante a cui sto partecipando.

ammetto che l'errore è stato mio perché sono andata là e gli ho detto, papà mi presti gli albi delle foto? e lui ha detto proprio NO. proprio subito subito ha detto NO. un NO bello deciso. un NO aspro e forte. allora ho tentato di intortarlo dicendogli cose del tipo: e un albo solo? NO! e solo due tre foto di un albo solo? NO. ma se ti giuro che le porto in ufficio, le scanno e te le riporto. tra andare e tornare non fa mezzora. NO. e se le guardo soltanto per ricordare. SI MA CON ME PRESENTE.

...sapevatelo, chi mi dice che Barbablù è intortabile non ha capito un casso.

allora m'è toccato andare a piangere da mia mamma, piangere fortissimo. piangere che ero una cosa strappabudella, non si poteva resistere al mio pianto di bambina allora mia mamma è andata da lui e ci ha detto ma dai ma su, solo tre foto. di un albo. mezz'ora  te le riporta. una cosa straziante, due ore per convincerlo, due ore a insistere.

alla fine, dopo due ore lui non ne poteva più neanche lui e m'ha dato il permesso di prenderne 3 per mezz'ora e è bastato solo che firmassi un foglio per ricevuta e gli pagassi 50 euri.

11 commenti:

Scritto in Grassetto ha detto...

Dovrebbero mandare te e tuo padre a fare le trattative di pace in mediooriente!

fatacarabina - remedios ha detto...

eh ma qua si gioca sulla commozione popolare...si sappia :)

stressa ha detto...

Forte tuo padre...e tua madre...tipica lavorazione femminile ai fianchi!

paopasc ha detto...

Tuo padre è un mito!

sara mazza ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
L'insulso ha detto...

Sid Capisco
perchè per partecipare al stesso medesimo preciso concorso ho sotratto ach'io una foto a mamma orso.
IO essendo (stato) molto bello anzi bellissimo presto la mia efige come ornamneto prezioso ad un mobile, poi negli anni hanno messo altre foto di nipoti, cerimonie a farmi compagnia.
IO per aver quella foto preziosa al paro della monna lisa ho usato la tecnica "dea troia" trasformare un bisogno (mio) in necessità (sua).
Mi sono quindi casualmente offerto di salvaguardare ai posteri la mia immagine (oramai sacra) in stato di decomposizione organica dei colori e che utilizzando le avanzate tecnologie in mio possesso avrei cercato di recuperare all'originari splendore.

L'insulso ha detto...

p.s. qualche errore orto-grafico l'ho fato perchè ciho le dita disadattate e il neurone addormentate ciò

domi

mich ha detto...

finché non mi siedo alla sua tavola per assumere seimila calorie sotto forma di ragù, polpette, pizze, pastiere e vini home made non otterrò dal genitore nemmeno una fotocopia delle foto. le trattative devono ancora iniziare

vix ha detto...

qualcosa ci hai fatto a tuo padre...
ma se è così, di suo, di natura, bè, applausi. a lui, eh:P

khenzo ha detto...

Tu hai preso da mamma, vero? :)

Occhi di Notte ha detto...

Il concorso sulla fotografia e scrittura ancora aperto a Roma?