06/04/09

Piccole cronache di viaggio /2

Io avevo organizzato tutto benissimo. Noi si va in Liguria per un weekend culturale: in primis Simenon e poi l’architettura, l’arte, la natura ligure. Le bellezze della regione più bella d’Italia, visitate palmo-palmo nella sua Riviera di Levante. E’ finita che ora sappiamo perfettamente la differenza tra Vermentino e Pigato. Che alle 10.00 di sera di sabato siamo collassate per coma etilico. Che nel frattempo abbiamo scoperto che la focaccia genovese è qualcosa di molto simile al nettare degli dei. Che come cucinano il pesce da Antonio a Santa Margherita Ligure, mi spiace, signori, non ce n’è per nessuno. Che la focaccia di Recco è qualcosa che ti commuove quando hai la fortuna di gustare il primo boccone. Che la farinata di ceci, ma perché non c’è anche a Padova?!? Che il Polpo Mario del Polpo Mario è di un morbido da paura ed io vorrei capire come si fa a cucinarlo così. Che però, almeno questo, lo spritz lo sappiamo fare meglio noi.

12 commenti:

john ha detto...

Ingrasso solo leggendo

fatacarabina - remedios ha detto...

Al polpo Mario prima poi mi ci devi portare, per lo spritz faccio un thermos
baci

peppermind ha detto...

La focaccia... sì, quanto mi manca...

chiaratiz ha detto...

cibo? Cibo! Voglio venire anch'io in gita culturale con te ;-)

splendidi qya ha detto...

c'è un emoticon per i rumori della pancia?

sid ha detto...

@john:
ecco, di quello possiamo non parlarne?!?

@fata:
ahahahhah!!! sono la solita che non son mai previdente! :)

@peppermind:
ti giuro che ripartirei subito. che bona!!! che boooona!

@chiaratiz:
io e la mia amica che lo siamo promesse, un viaggio così, solo donne, almeno una volta ogni due mesi, in giro per le bellezze culinarie d'italia. donne, aggregatevi!!!!

@SQ:
lascia perdere ti prego che mentre scrivevo sentivo brontolare... :)

fatacarabina - remedios ha detto...

alla prossima, se posso, mi aggrego

Vale ha detto...

quanto ti INVIDIO... dio quanto ti INVIDIO... ma la focaccia di recco c'hai messo il pesto sopra? :D

sid ha detto...

@FATA:
lei può!!! a prescindere!!!

@vale:
e dunque aggregati come si aggrega la fata :-)

e.l.e.n.a. ha detto...

come facciate a vivere senza farinata, proprio non lo so...
fortunatamente qui a torino la fanno in tantissimi posti.

(quanti ricordi mi hai fatto venire in mente tra santa margherita e sestri levante!)

Mitì ha detto...

La prossima volta che vai a Santa, prova ad andare alla Paranza (quel ristorante letteralmente sopra al mercato del pesce). ;-*

elena g. ha detto...

concordo sulla farinata: noi padovane ce la meritiamo! una signora di torino ha cercato di insegnarmi a farla (vanamante), peccato che a padova manco la farina di ceci vendono