29/04/11

primo maggio reprise

l'anno scorso, il primo maggio l'abbiam passato a Padova, tra Giotto, le Piazze, Checchi, moecche e sarde in saor. c'eravamo io, gli splendidi, gli splendidini, arcureo, mich e ste. (tengo a precisare, Mich, che quando ho incontrato Cannavaro, la scorsa settimana, vi ho ufficialmente invitati per la replica). io me la ricordo come una giornata splendida. a bere vino bianco sotto la pergola. con Checchi che, ad un certo punto nel pomeriggio, semplicemente se n'è andato lasciandoci lì - finché ne avevamo voglia -.
ci sono occasioni in cui lasciar semplicemente scorrere il tempo mi fa sentire una "signora". prendere la mia giornata e farmi trascinare dalla lentezza, dalla calma e dal  puro piacere della pigrizia mi fa sentire enormemente ricca. mi sembra, in quei momenti, che non ho bisogno d'altro. 
mi piace godere di queste bolle di calma nelle quali mi pare che l'unica cosa sensata da fare sia continuare a rimanere seduti, guardarsi negli occhi e chiacchierare.  

6 commenti:

Arcureo ha detto...

Ah, che ricordi... io vi raggiunsi a piedi, da casa mia, passando per l'argine del fiume... e da magnare, se non ricordo male, presi una succulenta coda di rospo!
;-)

sid ha detto...

@ale: secondo me è passata della gran frittura, anche! :)

Arcureo ha detto...

La gran frittura non manca mai... ;-)

mich ha detto...

l'oste che dice "io vado, ma voi restate pure" ha conquistato un posto nel mio cuore per sempre.

petrolio-muso ha detto...

indirizzoooooooo! anch'io voglio sentirmi una signora al nord :)

Anonimo ha detto...

@petrolio:
da checchi! :)
(zona voltabarozzo)
e buon appetito :D

(sidgi)